Crossroads

Happy Sunday guys!

I know I have been away for a few weeks, but I started a new job and this has made my days rather busy.

I am very grateful for this opportunity life is offering, but I am out many hours a day as well and ladies know what  I am talking about when you work full time but you have a house to hold.

I have a word in my mind in these days that has been inspired by the latest fabric collection of the company I work with: Crossroads.

It’s amazing how sometimes turning right instead of left is enough to encounter unexpected wonderful scenarios.

This has made me think about the fact that if you do not trust the universe at least a little, every deviation from the path may seem annoying and scary, since it pushes us to exit a well known land that we know well, although we have a lot to complain about it.

Many years in my life I have been frightened by changes because convinced that things were headed to get worse anyway and that the bad known life was better than the unknown that was launching sparkles of potential contentment.

Happiness for me was out of hand: peace and stability would have been enough for me as a goal.

How wrong  I was! When you are trapped in a life you dislike which you do not know how to escape it is surely difficult even conceiving the idea that something better is waiting for you to grab it.

That’s what faith is: being firmly convinced that happiness, that one that make your heart overflow is possible, close and our birth right, regardless of any circumstance.

Only when I started a change of point of view, pointing outwards instead than on my belly, I found out that there are some thoughts and behaviors that support happiness coming and staying in our lives.

It took the right books, the right friends, the right Youtubers and all the help the Universe sent me and that I accepted. Conclusion: you can heal from pessimism and this opens up to a lot of possible paths that turn from unconceivable to possible.

Finally, I understood that gratitude for what you have and the blind trust in what you deserve, open doors to an inimaginable abundance that comes from unexpected ways, always reaching you somehow.

I am comfortable now with myself and my life and I wish from my heart for every being in this universe to feel the same: fulfilled, taken care, protected and guided by hand.

Very happy Sunday to all of you and till the next piece!

Crossroads, incroci

Buona domenica a tutti!

So di essere stata assente per un po’ di settimane, ma ho iniziato un nuovo lavoro e questo ha dato un ritmo piuttosto serrato alla mia vita.

Sono molto grata per questa opportunità che la vita mi offre, ma sono anche fuori molte ore al giorno e le signore che leggono sanno cosa può voler dire.

C’è una parola che mi gironzola per la testa ultimamente, ispirata dall’ultima collezione di tessuti presentata dall’azienda per la quale lavoro: Crossroads, incroci.

E’ curioso a volte come basta prendere a destra invece che a sinistra per incontrare scenari sorprendenti e quanto mai inaspettati.

Questo mi fa riflettere sul fatto che, se non si possiede un briciolo di fiducia nell’universo, ogni deviazione sembra minacciosa e fastidiosa, dato che ci propone di uscire da un terreno conosciuto che, pur lamentandocene, conosciamo bene.

Per molti anni io ho temuto il cambiamento; pensavo che fosse sempre peggiorativo e che era meglio il conosciuto che mi rendeva infelice che l’ignoto che lanciava tenui sprazzi di possibile contentezza.

Felicità per me era una parola grossa: mi sarebbe bastata un po’ di pace e di stabilità.

Quanto mi sbagliavo! Di sicuro, quando sei intrappolato in una vita che non ti piace, ma dalla quale non sai come uscire, è difficile anche solo concepire l’idea che possa esserci di meglio a portata di mano.

La fede consiste nella ferma convinzione, al di là delle circostanze, che la felicità, quella che ti fa traboccare il cuore, è possibile, vicina e diritto di ognuno indistintamente.

Solo quando ho iniziato a cambiare punto di vista, alzando lo sguardo dal mio ombelico, ho scoperto che ci sono alcuni pensieri e comportamenti che agevolano la venuta della felicità nella nostra vita.

Ci sono voluti i libri giusti, gli amici giusti, i giusti canali Youtube e tutto l’aiuto che l’universo  mi ha mandato e che io ho accolto. Conclusione: dal pessimismo si può uscire e questo apre una serie di scenari, prima impensabili, che divengono possibili.

Per concludere, ho compreso che la gratitudine per quello che hai e la cieca fiducia in quello che meriti aprono le porte ad un’abbondanza inimmaginabile che arriva per vie inaspettate, ma trova sempre la strada per raggiungerti.

Io sto bene adesso, molto bene e desidero per ogni essere presente in questo universo di potersi sentire come me: realizzata, accudita, protetta e presa per mano.

Buona domenica a tutti e alla prossima!